22.00

Prenota e ritira in negozio

Descrizione

«Aveva torto e non avevo ragione». Così Fortini in ricordo di un interlocutore la cui grandezza oggi ci si rivela ancor più controversa, ma la cui intelligenza delle questioni e il cui sguardo sulla realtà circostante continuano a offrire un punto di vista con cui è impossibile non confrontarsi. In primo luogo perché, sperimentando soluzioni espressive talvolta addirittura estremistiche, Pasolini ha in fondo sempre cercato il conflitto con l’industria culturale, col senso comune. E poi perché, non rinunciando mai a presentarsi anzitutto come intellettuale civile, egli ha scommesso, senza mai derogarvi, sul valore squisitamente politico della letteratura, dell’arte, della conoscenza. Scrutato in quest’ottica da Antonio Tricomi, il bulimico work in progress pasoliniano dimostra di trovare i propri capisaldi senz’altro nelle “Ceneri” di Gramsci e nella “Meglio gioventù”, nei corto e mediometraggi degli anni Sessanta, in testi teatrali come “Orgia” e “Calderón”, ma, ancor più, nei suoi esiti ultimi. In particolare, nei propri risvolti saggistici (dagli “Scritti corsari” alle “Lettere luterane” e a “Descrizioni di descrizioni”), in quell’autentico “incubo” cinematografico che è il “Salò o le 120 giornate di Sodoma” e, soprattutto, in “Petrolio”. È in tale, apocalittico «centone» che urge con ogni probabilità rinvenire il capolavoro almeno potenziale di Pasolini.

Informazioni aggiuntive

Peso 250 g

Pagine

332

Leave a Reply

*

Ordina Prodotto

Compila il modulo per potere ordinare il prodotto

Name*

Email*

Enquiry*

detail product

  • Dettagli :
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com