12.00

Filosofia del peccato originale

Prenota e ritira in negozio

Descrizione

Questo libro costituisce un esempio di filosofia della religione propriamente detta: interrogandosi su una questione peculiare della teologia – quella del “peccato originale” nella tradizione ebraico-cristiana -, non si propone né di sostituirsi a essa offrendo un fondamento razionale alla rivelazione, né tantomeno di imitarla svolgendo la ricerca nell’ottica della fede. Tenta invece un’interpretazione propria, mostrando come con tale tematica la religione affronti, seppur con intenti e esiti diversi, problemi analoghi a quelli della filosofia. Ecco che il racconto biblico della cacciata dal Paradiso terrestre – con cui si sono confrontati tra gli altri Kant, Hegel, Benjamin e Heidegger – si rivela luogo privilegiato per lo studio del nesso fra libertà, relazione e male: in Genesi 3 la libertà viene istituita e consegnata ai paradossi che contraddistinguono i tentativi di pensarla in una prospettiva relazionale, nella quale il male emerge come patologia della relazione. Se l’approccio religioso offre importanti elementi di stimolo e di chiarificazione all’indagine filosofica, il filosofo può sorprendersi – nel suo pensare a un “Dio possibile” – di riuscire a rischiarare alcuni aspetti della stessa tradizione religiosa.

Informazioni aggiuntive

Peso 250 g

Leave a Reply

*

Ordina Prodotto

Compila il modulo per potere ordinare il prodotto

Name*

Email*

Enquiry*

detail product

    No detail information
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com