Libreria Antigone

SPEDIZIONE GRATUITA - Con ordini superiori ai 70€ la spedizione in Italia è gratuita
SPEDIZIONE GRATUITA - Con ordini superiori ai 70€ la spedizione in Italia è gratuita

Black kids. La primavera che cambiò ogni cosa

Reed Christina Hammonos | Salani Editore

16.90

Una volta inseriti i tuoi prodotti nel carrello potrai optare per la spedizione a domicilio o per il ritiro in libreria.

COD 978883007931 Categoria
GENERENarrativa/Racconti/YoungAdult

Descrizione

Los Angeles, 1992: una città in fiamme, una ragazza in cerca delle sue radici, un passato che sembra impossibile da dimenticare.

«Un debutto eccezionale e ricco di sfumature» – The Guardian

 

Los Angeles, 1992. Ashley Bennet ha diciassette anni e non potrebbe desiderare di più dalla vita: bella, ricca, con le amiche giuste. L’estate è ormai alle porte e lei passa più tempo in spiaggia che in classe, in testa solo il ballo di fine anno. Ma un pomeriggio di aprile quattro agenti di polizia vengono assolti dopo aver picchiato brutalmente un ragazzo nero e tutto cambia. Perché quel ragazzo è Rodney King, e da quel momento anche Ashley non è più solo una ragazza come tante, ma una ragazza nera, respinta improvvisamente ai margini di un mondo che considerava il suo. Intorno a lei, Los Angeles brucia tra le fiamme di violente proteste, e Ashley cerca a tutti i costi di continuare la sua esistenza da privilegiata, anche se sua sorella Jo si fa coinvolgere nei disordini e l’illusione di famiglia perfettamente integrata che hanno costruito i suoi genitori inizia a sgretolarsi. E mentre la sua vita va in frantumi insieme alle vetrine dei negozi, Ashley dovrà farei conti per la prima volta con le sue origini e le conseguenze che il colore della sua pelle porta con sé. Sullo sfondo di uno dei momenti chiave della storia americana, in un passato che riflette un presente dolorosamente affine, il racconto intimo e autentico di una ragazza in cerca di se stessa e delle sue radici.

«Quando esci lì fuori nel mondo, non sei tu e basta, Asley» mi ha detto nonna Opal un’estate, mentre mi acconciava i capelli in quattro lunghe trecce e le abbelliva con dei fiocchi gialli. «Sei tutti noi, la tua famiglia, la gente nera. Devi essere migliore dei ragazzini bianchi. È ingiusto, ma è così.»
«Io sono brava, nonna» assicurai.
E lo sono ancora. Il più delle volte.

Informazioni aggiuntive

Peso550 g

POTREBBERO ANCHE INTERESSARTI