12.00

Salari rubati. Economia, politica e conflitto ai tempi del salario gratuito

Descrizione prodotto

Nel 1995 Jeremy Rifkin annunciava, con l’omonimo libro, “la fine del lavoro”. L’emblematico titolo rimandava a una visione del futuro nella quale, complice la Terza rivoluzione industriale, sarebbe stato possibile per tutti ridurre le ore di lavoro erogato. All’alba della Quarta rivoluzione industriale siamo costretti a parlare della fine del lavoro pagato, a indicare un’epoca nella quale l’innovazione tecnologica, la robotica e il digitale vengono usati principalmente per ridurre i salari, inducendo ciascuno a lavorare sempre di più per compensare un lavoro che vale sempre di meno. In questi anni, il lavoro gratuito è in rapida crescita – lo ritroviamo nei grandi eventi come Expo, in stage e tirocini sino all’alternanza scuola-lavoro – a normalizzare quello che per lungo tempo è stato un ossimoro: l’impiego di lavoro libero e non pagato. Quali sono le conseguenze della diffusione del lavoro non pagato? È possibile pensare il rifiuto del lavoro ai tempi della precarietà e della disoccupazione? Come, in ultima analisi, muovere verso un modello economico che riconosca il valore del lavoro e della riproduzione sociale?

Informazioni aggiuntive

Peso 250 g

Leave a Reply

*

Ordina Prodotto

Compila il modulo per potere ordinare il prodotto

Name*

Email*

Enquiry*

detail product

    No detail information