4.13

Oltre il pregiudizio. Madri lesbiche e padri gay

Descrizione prodotto

Il sostegno ai nuclei familiari nei quali è in corso una separazione merita un’attenzione particolare quando uno dei genitori si dichiara omosessuale. L’intervento in queste situazioni si complica maggiormente quando emergono i pregiudizi o la scarsa preparazione degli stessi operatori sociali. Questo breve testo offre alcuni punti di riferimento a operatori e mediatori familiari. Il testo nasce da un incontro di formazione sulla gestione di casi di separazione in cui uno dei due genitori si dichiara omosessuale svoltosi presso il GeA – Genitori Ancora, centro di mediazione familiare del Comune di Milano. Partendo da un punto di vista psicoanalitico, l’Autrice, psicologa e psicoterapeuta, mette in discussione le trattazioni sull’omosessualità che si fermano alla sfera sessuale senza tenere conto dei sentimenti che vengono dati per scontati nelle relazioni eterosessuali. Critica il giudizio sulla natura sintomatica dell’omosessualità e sulla “normalità” dell’eterosessualità, che, “essendo statisticamente prevalente, diventa normativa”. Si sofferma sull’analisi degli stereotipi legati all’omosessualità genitoriale: l’inattitudine del genitore omosessuale viene spesso data per scontata per paura che il suo orientamento sessuale possa influire negativamente sulla vita emotiva, affettiva, psicologica, sessuale e sociale dei figli e delle figlie. Katja Delang (septembre 2003).

Leave a Reply

*

Ordina Prodotto

Compila il modulo per potere ordinare il prodotto

Name*

Email*

Enquiry*

detail product

    No detail information