Il progetto della libreria Antigone ha come obiettivi la diffusione della cultura e delle sottoculture lgbit*q e femministe, con particolare interesse per la produzione di testi, riviste, saggi e romanzi concernenti la sessualità, il genere e le relazioni tra i generi, la storia e la produzione teorica dei movimenti femministi e lgbtiaq , l’educazione e la lotta alle discriminazioni, le sessualità, le relazioni affettive, sentimentali e sessuali e le produzioni accademiche dei gender and queer studies.

Una libreria che a partire dall’ intersezione propria degli studi di genere e queer possa riproporre materiali e strumenti utili per i diversi approcci e le diverse discipline valide a scoprire e approfondire l’ampiezza di tali studi: psicologia, sociologia, antropologia, diritto, geografia delle sessualità, medicina, studi postcoloniali, letteratura, arte e storia i principali settori per i quali il progetto della libreria intende offrire costante offerta, non limitandosi ai testi in lingua italiana (originali o tradotti) ma puntando ad importare dall’estero copie in lingua originale, soprattutto per quelle produzioni non ancora tradotte dall’editoria italiana.

La libreria Antigone vuole essere un punto di incontro, un luogo di costruzione di relazioni, intese come unico strumento indispensabile per la crescita culturale e umana di ognuna / ognuno, e per favorire ciò l’impegno sarà rivolto al mantenimento di un ambiente sicuro, piacevole, utile, attraversabile da chiunque, all’aggiornamento costante e alla reperibilità dei testi concernenti la specializzazione della libreria e all’organizzazione di presentazione di libri e/o performance artistiche.

Crediamo che la diffusione della letteratura a tematica femminista, lgbt e queer sia un tassello indispensabile per la costruzione della cultura del rispetto delle minoranze , delle donne, delle sessualità, delle soggettività lesbiche, gay, bisessuali, intersex, asessuali, transessuali, transgender, queer e non conformi dal punto di vista binario del genere; rispetto inteso non solo come antidoto per le discriminazioni, ma come partecipazione attiva, curiosità, messa in discussione, capacità di confronto e inclusione.

A chi ci rivogliamo? Ai cittadini e alle cittadine nativi/e e migranti della città, a chi è di passaggio, a chi cerca un luogo di confronto e a chi cerca qualcuno/a a cui fare domande o a chi pensa di poter dare delle risposte; alle donne e alla comunità lgbtiqa, agli studenti e alle studentesse, alle famiglie e ai loro bambini/e, ai singoli individui, a chi cerca strumenti per costruire una cultura e una società migliore, e soprattutto a te, perché se stai leggendo queste righe significa che in qualche modo ti interessiamo.

Libreria Antigone

“I muri ribaltati diventano ponti. “
Angela Davis


 

 

Share This: