Weird plot twist è  un percorso di analisi di immaginari gameplay “nerd” attraverso le lenti di oppressioni e privilegi derivati da genere, orientamento sessuale, razza e classe sociale.

_Copertina

Il laboratorio si struttura in 12 incontri da 2h e 30 ciascuno  a partire da giovedì 15 febbraio e si terrà presso la Libreria Antigone di Milano in via Kramer 20 .

– Posti limitati –

Per informazioni più dettagliate e/o per iscriversi
scrivere a info@libreriantigone.com o chiamare il numero 02 – 2043655


La struttura del laboratorio e gli obiettivi:

  • Messa in comune di conoscenze e analisi in lezioni interattive; la parte finale di ogni incontro è dedicata al dibattito ed alla discussione
  • Fornire una cassetta degli attrezzi ad accademic@, gamers, filmakers, scrittrici/scrittori (siano essi/e di qualsiasi media, dalla letteratura alla sceneggiatura alla scrittura di giochi) utile per ragionare e cominciare a produrre nel proprio lavoro degli immaginari con delle coscienze intersezionali e consapevoli delle oppressioni e dei privilegi.
  • La possibilità, a fine corso, di costruzione di un blog in italiano, o sezione di un blog, che continui a interrogarsi sui temi trattati per dare continuità di analisi al ragionamento
  • La possibilità, a fine corso, di costruzione di un/dei prodotto/i collettivi che partendo da queste basi provino a costruire immaginari differenti. Questo chiaramente si baserà anche sulle competenze che si metteranno in comune durante il corso e dalle prospettive di ciascun@. Dal videogame al gioco di ruolo, allo short movie…
  • Le lezioni e i dibattiti verranno registrati per avere la possibilità, a fine corso, di definirsi in un gruppo di lavoro che metta per iscritto e continui a ragionare sulle lezioni presentate e sul dibattito che ne scaturirà. Il prodotto potrà avere la forma di un’ autoproduzione scritta, un libro edito o un documento in copyleft. Nel caso in cui non si formi un collettivo di produzione sui temi trattati ne scaturirà comunque un prodotto di ricerca in ambito accademico o editoriale.

 

I temi dei 12 incontri: 

1 – Ambientazioni Fantasy

  • Il Tolkien recuperabile e l’epica lontana: attualità della saga, oltre il macabro fascino della trilogia
  • Swords and Sorcery, epicità e stereotipi di un sentire mainstream
  • Storie di antieroi: Geralt, Elric e “gli altri Orchi”
  • Giochi di potere e Troni: politica nel fantasy

2 – Ambientazioni Fantascientifiche: Cyberpunk e Distopia

  • Lotta tra Leviatani: complessità o Nemico Unico nel genere “next future”
  • Dopo l’Apocalisse Nucleare: sopravvissuti, dinamiche di gruppo, darwinismo sociale e l’homo homini lupus
  • New Dystopian Novel ed eroine mainstream
  • Futuro prossimo: sulla produzione di immaginari

3 – Misoginia, Omofobia, Transfobia, e altre “bad things” della community

  • Cosplay, consenso, slut shaming e queer: la rappresentazione del personaggio immaginario e l’effetto specchio nel reale: slut in fiction, slut in life
  • Posers: mainstream e nicchia
  • Gamergates: Dickwolves Pack, rape culture, sessualizzazione ed oggettificazione

4 – La rappresentazione dell’alterità Parte 1( genere, sessualità, razza, specie, classe)

  • Chi è l’altr@? L’alterità dellA gamer, l’alterità del personaggio non etero-cis-bianco, il suo allontanamento nello storytelling e di riflesso l’esclusione dalla community
  • Washing e sussunzione negli adattamenti: politically correct VS “representation matter”
  • Rappresentazione delle donne e dei soggetti LGBITQA+
  • Machismo in azione: il dominio, la violenza
  • Conflitto e sua risoluzione: apertura delle possibilità

5 – La rappresentazione dell’alterità Parte 2

  • La rivoluzione francese nel media: stereotipi della lotta
  • Il bene e il male: chi è il Nemico? Razza e specie, classe e lotta
  • Suprematismi Etero-cis-bianchi: eliminazione, schiavitù e sussunzione del “nemico”
  • Ribaltamento (benderism) e alternative: l’Elfo proletario e il “buon selvaggio”

6 – Sui PG e PNG

  • Personaggio Giocante VS Personaggio Non Giocante: Il valore del Gioco di Ruolo come analisi delle oppressioni
  • Antropopoiesi del personaggio: rappresentazione numerica / casuale nella genesi dei Personaggi, determinismo, algoritmi non neutrali
  • La sottile linea rainbow: sull’invisibile Personaggio Giocante LGBITQA+ e lo shaming del Personaggio Non Giocante

7 – Sui PG e PNG – Decostruzione dello stereotipo e spazi di speranza

  • Contesto e relativismo: personaggi fluidi
  • Caratteristiche e abilità: privilegi e oppressioni di PG e PNG
  • Fallimento e successo: contro il neoliberismo da tavolo
  • Una scheda del personaggio per rompere gli stereotipi: La Personaggia Giocante

8 – La sospensione dell’incredulità: Il realismo, l’iper-realismo, la fiction – punti di contatto per una costruzione che affascini

  • La sospensione dell’incredulità: l’immaginario convincente
  • Realismo e “spazio nell’inventario”
  • Iper realismo e “perma-death”: quando la sopravvivenza è una scrematura politica
  • “Voglio una vita come nei film”: mantenere alta l’attenzione

9 – Un prodotto “identitario” e/o che ragioni di “identità”?

  • Media di identità: critiche e spunti
  • Quando l’identità diventa progetto di vendita
  • Gameplay e plot: il cocktail anti-stereotipo

10 – Bonus Track aka Conclusioni

  • Ragionare collettivamente sulle possibilità di produzione di prodotto e successive analisi

Per informazioni e chiarimenti circa il programma contattare il responsabile del corso

Marco Palvarini 
plivius93@gmail.com ]

Libreria Antigone
via Kramer 20
20129 Milano
info@libreriantigone.com
Libreria Antigone

Share This:

Leave a Reply

*